19/12/2008
Caro collega, ti portiamo a conoscenza che il decreto legge 29 novembre 2008 n. 185, denominato decreto “anti-crisi”,  all’art. 16 comma 7  richiede la comunicazione a questo ordine della vostra casella di posta certificata

“…7. I professionisti iscritti in albi ed elenchi istituiti con legge  dello Stato comunicano ai rispettivi ordini o collegi il proprio indirizzo di posta elettronica certificata entro un anno dalla data di entrata in vigore della presente legge. Gli ordini e i collegi pubblicano in un elenco consultabile in via telematica i dati identificativi degli iscritti con il relativo indirizzo di posta elettronica certificata. …”

Nell’ottica di fornire un servizio utile il Consiglio ha deciso di offrirti. se la richiederai. una casella gratuita di posta elettronica certificata. Per ottenere la casella ti preghiamo di inviarne richiesta via fax o email apc-info@geologitoscana.it  specificando nell’oggetto: Richiesta di casella email OGT certificata, e scrivendo nome cognome n. iscrizione OGT

02/10/2008
Diffida alla partecipazione a "Affidamento dell’incarico professionale delle indagini geologiche e geotecniche per i lavori di adeguamento normativo dell’ippodromo di Pian delle Fornaci " emesso dal Comune di Siena

25/09/2008
Diffida alla partecipazione a "Avviso pubblico di selezione per l’affidamento di incarico di consulenza tecnica in materia geologica, geotecnica e idraulica per il settore ambiente e per il settore edilizia del Comune di Lastra a Signa, Provincia di Firenze " emesso dal Comune di Lastra a Signa (FI)

16/09/2008
Diffida alla partecipazione a "Avviso della procedura di gara in economia per l’affidamento, mediante cottimo fiduciario, dell’incarico professionale di consulenza e progettazione per la redazione delle indagini geologiche, idrogeologiche ed idrauliche di supporto al

regolamento urbanistico e redazione norme interventi " emesso dal Comune di Grosseto

28/04/2008
Revoca del bando emesso dal Comune di Impruneta e nuovo bando
23/04/2008
Riceviamo dall'Ordine dei geologi del Veneto:
Trasmettiamo questa nota con l’allegata sentenza n. 938 del 10 aprile Sezione I del TAR Veneto, in merito alla competenza del geologo a redigere gli studi di compatibilità idraulica a supporto degli strumenti urbanistici, accogliendo in pieno la tesi dell’Ordine dei Geologi del Veneto.
Dopo alterne vicende, il TAR del Veneto mette fine alla questione affermando che:
"il Comune interessato potrà sicuramente designare un ingegnere idraulico, come esposto già nella sentenza de qua. Al tempo stesso il Comune, in considerazione delle caratteristiche del suolo afferente al proprio territorio, potrà incaricare in luogo di un ingegnere, un geologo (entrambe le figure professionali dovranno essere caratterizzate da un "profilo di studi e comprovata esperienza nel settore dell’idrologia e dell’idraulica", come precisato nell’allegato A della D.G.R. n. 1329/2006). La scelta, in questo caso, è rimessa alle valutazioni del Comune. Il geologo potrà, altresì, essere incaricato in aggiunta all’ingegnere incaricato in precedenza, laddove sia costui a ravvisare l’esigenza di un approccio interdisciplinare, segnalando tale esigenza al Comune che lo aveva designato, in considerazione delle caratteristiche geo-morfologiche del suolo".
La chiarezza della nuova decisione del TAR Veneto non lascia più dubbi ed alibi sull’esistenza di una piena competenza professionale, anche dei Geologi, nella materia del rischio idraulico.
09/04/2008
Diffida alla partecipazione al bando emesso dal Comune di Impruneta
10/03/2008
Chi è in possesso dei requisiti ed è interessato ad essere inserito nelle terne per i Commissari dell'Esame di Stato è pregato di comunicare la propria disponibilità alla Segreteria OGT
26/02/2008
A seguito del ricorso presentato dall’A.N.I.S.I.G. il TAR Lazio con sentenza n° 1422 del 18/2/2008 ha disposto l’annullamento della circolare 349/99
Per poter qualificare in termini di servizio pubblico una determinata attività economicamente rilevante e per renderla oggetto di concessione, occorre un'espressa previsione di legge. Tale necessità discende dall'articolo 41 della Costituzione, il quale pone una riserva di legge in ordine alle limitazioni dell'iniziativa economica privata da parte dei pubblici poteri. E dunque
qualsiasi compressione dell'attività imprenditoriale deve essere sorretta da una scelta del legislatore, che ne fissi con precisione i limiti e i contorni con atto di normazione primario, non essendo possibile e legittimo che ciò avvenga con un mero atto regolamentare o addirittura con una circolare amministrativa (fattispecie relativa a circolare ministeriale che stabiliva che una attività, prima liberamente esplicata in pieno regime privatistico e concorrenziale senza alcuna necessità di concessioni autorizzazioni e controlli di sorta, dovesse essere assoggettata ad una disciplina di carattere concessorio ed innovativo con conseguente impossibilità per le imprese di operare senza una concessione)
17/02/2008
Applicazione delle nuove norme tecniche: situazione attuale
15/02/2008
Visti gli articoli 15 e 16 del le nostre Norme deontologiche, gli iscritti che intendono pubblicare (da soli o come associati) un loro sito web devono presentarlo prima al Consiglio OGT per la verifica del modello adottato. Il consiglio OGT prenderà visione del materiale e nel caso si ravvedano, lesività del messaggio alla dignità della professione, alla trasparenza e veridicità degli elementi contenuti, o la violazione di quanto disposto dai precedenti art.li 12 e 13, indicherà le necessarie modifiche da apportare. Se l’iscritto non otterrà risposta entro due mesi dalla data della richiesta di presa visione (la richiesta dovrà arrivare a mezzo fax) , potrà considerare il suo materiale approvato (silenzio assenso.)